Crea sito

scritti

"Clandestina" di Mariella Rocca

Foto: Laurentiu Margalin CLANDESTINA Grumi di lacrime premono gli occhi da cerbiatta, punture di cocci di vetro sono, quelle lacrime represse! Come un fiume in piena pronto ad esondare, a scorrere sulla pelle scura, quasi a doverla pulire. Non vuol cedere. Ancora un tentativo per vivere, provare a rimuovere le macerie create dalla superflua esigenza, che nascondono lo sguardo al dolore chiedere umilmente un lavoro anche sottopagato, pure sporco... ...., purchè...

Leggi tutto

Alice nella città di Pulcinella...

Napoli tra chiari, scuri e la sua follia Parto da Cagliari dove ho appena presentato il libro, un’ora e mezza di volo ed atterro a Napoli. Esco dall’aeroporto e mi siedo su un vaso a fumare la tanto attesa sigaretta. Poi trascinandomi dietro le valige prendo un taxi. Ormai ho capito che i taxisti sono “la voce del popolo” quindi ci parlo e li ascolto. Mi siedo davanti, partiamo, ho un po’ di mal di testa e mi massaggio le tempie. “Signorina lei pensa...

Leggi tutto

La persona depressa

La persona depressa di David Foster Wallace “La persona depressa viveva un terribile e incessante dolore emotivo, e l’impossibilità di esternare o tradurre in parole quel dolore era già una componente del dolore e un fattore che contribuiva al suo orrore di fondo.” Così inizia uno dei racconti più importanti degli ultimi quarant’anni di letteratura americana, uno dei più crudeli, corrosivi, impietosi, veri e divertenti...

Leggi tutto

Sorelle

Pubblico un racconto che ho scritto lo scorso autunno e che avevo pubblicato sul mio sito, è un racconto che parla fra le altre cose di anoressia, una cosa che ho vissuto e da cui mi sto lentamente separando.   Alla fine di questo racconto c’è la morte. Tanto vale che ve lo dica subito. Non ha importanza sapere chi morirà o cosa morirà. Sappiate solo che questo vi attende. Le sorelle le conobbi un’estate di tanti anni fa. Venivano da...

Leggi tutto

triangolo rosa

Oggi ricordano lo sterminio degli ebrei e dei tanti diversi o politici oppositori crepati in modo atroce nei campi di sterminio. Il messaggio predominante è sul genocidio degli ebrei. Ma voglio ricordare gli omosessuali (maschi perchè le donne non avevano neppure il diritto di potersi qualificare tali) con qualche osservazione. Sembra non esistere una repressione dell'omosessualità in Italia. Non così in altre realtà. Ora pur ritenendo assolutamente prioritaria la lotta per una...

Leggi tutto