Crea sito

Depressione e epilessia

Disfunzioni cerebrali alla base dell’epilessia potrebbero anche determinare se le persone sono a rischio di suicidio. La notizia è frutto di un complesso studio pubblicato sugli Annals of Neurology in cui si mettono in relazione la depressione, l’epilessia e il rischio di suicidio. Lo studio è stato condotto da Dale Hesdorffer del Gertrude Sergievsky Center alla Columbia University. Da tempo sembra che ci sia un legame tra rischio di depressione, epilessia e anche tendenza al suicidio, ma trattandosi di problematiche piuttosto articolate è sempre stato difficile spingersi in ragionamenti di causa-effetto e stabilire basi organiche comuni alle malattie. Per esempio per ragioni non ancora comprese la depressione aumenta il rischio di sviluppare l’epilessia ed è comune tra pazienti epilettici che hanno molte crisi. Inoltre l’epilessia sembra anche legata a maggiore tendenza al suicidio. Eppure per lungo tempo gli psichiatri anno “liquidato” la questione sostenendo che è la compromessa qualità di vita del paziente epilettico che lo rende più incline a disturbi depressivi e anche al suicidio. Ma la questione non sembra risolversi così semplicemente. Quindi gli esperti hanno seguito 324 persone con epilessia e 647 individui di controllo per tentare di capire meglio il complesso legame che si nasconde dietro queste tre problematiche e per far questo innanzitutto si sono chiesti quale aspetto della depressione influisce di più sul rischio di ammalarsi di epilessia. Tra tutti gli aspetti della depressione considerati pensieri suicidi e tentativi di suicidio sembrano quelli che influiscono di più nel legame tra depressione e epilessia, infatti è emerso che pazienti epilettici, ancor prima di avere mai avuto crisi epilettiche, hanno una probabilità quattro volte maggiore di aver tentato il suicidio. Questi dati non sono inficiati da fattori quali alcol, depressione, età e sesso e indicano che la tendenza al suicidio e la depressione non possono semplicemente essere una conseguenza della scarsa qualità di vita del paziente epilettico. Poi i ricercatori hanno passato in esame altri aspetti della depressione (per esempio il tono dell’umore), senza però trovare grossi legami con il rischio di ammalarsi di epilessia. Secondo gli esperti questi risultati indicano meccanismi comuni alla base di comportamento suicida ed epilessia, viceversa depressione e comportamento suicida potrebbero essere correlati a meccanismi diversi. "Sempre più spesso i medici trattano pazienti epilettici chiedendo loro se hanno disturbi depressivi, ma i medici potrebbero mancare di chiedere informazioni circa eventuali tentativi passati di suicidio", ha dichiarato Hesdorffer. "I nostri risultati devono allertare i medici sulla necessità di fare queste domande ed eventualmente seguire il paziente anche per scongiurare eventuali tentativi di suicidio". Gli esperti stanno pianificando di allestire studi per vedere se la comorbidità di questi disturbi è associata a suscettibilità genetica comune e studi per esaminare possibili anomalie comuni dei sistemi di neurotrasmissione. Tutto ciò aiuterà a sciogliere i dubbi su queste complesse malattie e anche a migliorare la capacità di intervento preventivo sull’una o sull’altra. Fonte: Hesdorffer DC et al. Depression and suicide attempt as risk factors for incident unprovoked seizures. Annals of Neurology 2005 (DOI: 10.1002/ana.20685). paola mariano

0 commento/i

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori. Codice HTML non permesso.